Marisa: per me l’Udi è tante facce, tante storie, età diversissime.

 

Roma19 dicembre 2019.

A novantaquattro anni portati con lo stile di sempre, Marisa Ombra se n’è andata. L’ho incontrata tanto tempo fa nell’Udi, io ero una delle giovani approdate all’Associazione sulla spinta del femminismo, lei adulta e dirigente, già protagonista della storia di questo Paese. Il nostro rapporto è stato discontinuo, segnato dall’andamento dello spazio politico che abbiamo condiviso. I ricordi sono tanti, personali e politici, ora che non c’è più scelgo di raccontare una data: l’8 marzo, del 2007.
A quel tempo ero Delegata nazionale dell’Udi e ricevetti una telefonata dall’Ufficio del Quirinale con cui si chiedeva all’Associazione di indicare una o due donne che avevano contribuito in modo significativo alle lotte delle donne per il diritto al voto, così da ricevere un’onorificenza dal Presidente Napolitano. Indicammo Luciana Viviani e Marisa Ombra.

Quell’8 marzo, dopo la cerimonia al Quirinale, alla quale ho avuto il piacere di partecipare, abbiamo festeggiato nella Sede nazionale dell’Udi. Luciana e Marisa hanno poi scritto una lettera che ho inviato a tutte le iscritte.

Ecco quella di Marisa, nel ricordo di lei, di noi:

Carissime, l’8 marzo il Presidente della Repubblica mi ha conferito l’onorificenza di Grande Ufficiale della Repubblica. E’ un grande onore che ricevo dall’Udi, prima ancora che dal Capo dello stato. Siete voi, infatti, che mi avete indicata, insieme a Luciana Viviani, come meritevole di questo riconoscimento.
Vi ringrazio. Ripongo questo momento fra le tante cose che ho ricevuto dall’Udi nei moltissimi anni – da quando l’Udi in zona di guerra si chiamava ancora Gruppi di Difesa della donna – lungo i quali la mia vita si è intrecciata con quella dell’Associazione. Spero di non apparirvi retorica se vi dirò che, tante o poche che siamo, organizzate in un modo o in un altro o anche non organizzate perché chi c’è stata anche per poco si sente inevitabilmente Udi, per me il senso dell’Udi resta quello che ho colto con grande vivezza un giorno di molti anni fa, quando ho guardato sfilare un nostro corteo e da quel corteo molte mi mandavano un saluto e mi sono resa conto che quasi tutte le riconoscevo: diffonditrici di Noi Donne, attiviste, semplici iscritte.
Questa è stata per me l’Udi: tante facce, tante storie, età diversissime. Tante singolarità che vogliono per la loro vita cose diverse ma tutte sanno che qualsiasi traguardo, per noi donne, è quasi irraggiungibile se non lo costruiamo insieme. Mi avete mandato tanti messaggi, tantissime telefonate. Vi ringrazio di tutto cuore.

Con affetto, Marisa Ombra

Anche per me l’Udi è stata “tante facce, tante storie, età diversissime”.
Distanze e vicinanze impensate, altrove.
Buon viaggio, Marisa.

Pina Nuzzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...