questo tempo è quanto abbiamo in comune per individuare strategie e per abitare liberamente il mondo.

Toyen 1937 la tana abbandonata _ particolareSappiamo da tempo immemorabile  che la violenza non è il frutto dei guasti della società: i soprusi e i maltrattamenti  fino alla morte sono il tormento  continuo a cui le donne sono sottoposte  per controllarne il  corpo e  moderarle. Qualche volta non è necessario passare ai fatti: basta la paura della violenza.

Ci sono stati anni in cui noi donne eravamo ‘colpevoli’ degli stupri che subivamo perchè i nostri corpi, per il solo fatto di esistere, erano responsabili delle “sollecitazioni” a cui i maschi erano sottoposti. C’è voluta tanta fatica per non  viverci come vittime e c’è voluto tanto  coraggio per imparare a raccontare e, con il sostegno reciproco, trasformarci in testimoni. 

Con il femminismo e l’autocoscienza abbiamo imparato ad avere confidenza con il nostro corpo, cercato di essere responsabili della sua integrità e inviolabilità, ma forse la memoria di tutto questo si è persa  ed è diventato necessario parlare con le  più giovani perchè sappiano che non esiste il mostro: esiste il vicino di casa, il compagno di scuola, il parente  prossimo. Spesso le più giovani, proprio le più esposte, si sottraggono al confronto con le altre per paura di essere ricacciate nella miseria del genere perchè si illudono  di essere quelle che hanno risolto il rapporto con l’altro. Salvo sperimentare  poi che la libertà non migliora automaticamente i rapporti tra i sessi, semmai li rende ancora più conflittuali.

La legge che abbiamo conquistato è solo uno  strumento per la nostra salvaguardia. Oggi intendiamo chiamare le istituzioni di questo Paese alle loro responsabilità che non riguardano solo l’applicazione della legge, ma anche le azioni politiche con cui  hanno favorito, oppure ostacolato, la costruzione di rapporti civili tra i generi.

Tale civiltà non è data in natura e quindi ci aspettiamo azioni concrete che vadano oltre il generico sdegno.  La civiltà comincia dalle parole perchè anche il linguaggio è sessuato e  noi chiamiamo la violenza sessuata, e non più sessuale, per segnalare l’azione brutale di un genere sull’altro e chiamiamo femminicidio la morte violenta di tante donne a causa  del dominio estremo di un uomo su di una donna. Chiamarlo omicidio è un modo per camuffare le  statistiche e far scomparire un fenomeno che è la causa prima di morte per le donne in occidente e nel mondo.

La violenza sulle donne  è anche una questione mondiale, come è sempre stato, oggi però siamo sommerse di notizie, i flussi migratori ci obbligano alla convivenza e sappiamo, con dati alla mano, che in ogni angolo della terra il genere maschile ha messo in atto tutte le storture e le torture possibili sulle donne  pur di sottrarsi  ad un rapporto reale.

Noi siamo contemporanee alla donna che abita l’altra parte del mondo e alla donna che dall’altra parte del mondo è venuta a vivere e a lavorare nel nostro Paese, questo tempo è quanto abbiamo in comune  per individuare strategie e per abitare liberamente il mondo.

Pina Nuzzo,  scritto per l’Udi, novembre 2006

l’immagine “la tana abbandonata” è un’opera di TOYEN del 1937, usata per il manifesto Udi del 2006

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...